Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
Website Logo
IT | EN
Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Regolamento e Giuria


REGOLAMENTO CONCORSO

"A Tavola con il Nobile” è un premio gastronomico riservato alle otto Contrade di Montepulciano partecipanti al "Bravìo delle Botti". 
Ogni contrada dovrà realizzare piatti ispirandosi alla tradizione, che valorizzino i prodotti del territorio ed esaltino l’abbinamento con il Vino Nobile di Montepulciano.
A tal fine il Consorzio del Vino Nobile mette a disposizione delle Contrade il vino per gli abbinamenti, i bicchieri da degustazione. 
I piatti dovranno essere corredati da una ricetta scritta, con indicazione della contrada degli ideatori e degli esecutori, che potrà essere liberamente usata e pubblicizzata dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano per attività di promozione e dovrà essere presentata alla giuria in sede di degustazione.
Ciascuna contrada dovrà obbligatoriamente presentare piatti che facciano abitualmente parte dei propri menu; faranno fede i programmi diffusi durante il Bravìo che dovranno essere consegnati tre giorni prima della data di inizio della gara ai responsabili del Premio.
Sulla norma di cui al punto precedente vigilerà un’apposita commissione formata da un rappresentante del Comune di Montepulciano, da uno del Magistrato del Contrade e da uno del Consorzio del Vino Nobile. Tale commissione, di propria iniziativa o su formale richiesta di una delle contrade in concorso, potrà effettuare senza preavviso visite tendenti ad accertare la regolarità dei piatti. L’inosservanza della norma di cui al punto precedente comporterà la retrocessione della contrada all’ultimo posto della classifica del premio.
Per consentire a tutte le contrade di essere valutate da tutti i componenti della giuria al fine di ottenere una valutazione il più equa possibile, a partire dall’edizione 2012 ciascuna contrada presenterà un unico piatto concordato precedentemente dalla Commissione Vigilante.
I piatti saranno valutati da una Giuria, designata insindacabilmente dal Consorzio del Vino Nobile, attraverso la seguente formula: 
primo giorno: ciascuna contrada riceve la visita di due commissioni di giurati e presenta il piatto in gara.
secondo giorno: ciascuna contrada riceve la visita di due commissioni di giurati, diverse da quelle del primo giorno, e presenta lo stesso piatto
La formazione delle Commissioni spetta alla Giuria. L’abbinamento tra le commissioni e le contrade visitate viene definito prima dell’inizio del concorso mediante estrazione effettuata alla presenza anche di un rappresentante del Magistrato delle Contrade.
I piatti saranno giudicati dalle commissioni utilizzando una griglia di valutazione allegata agli atti del concorso.
La classifica sarà redatta per somma di punti; la contrada che avrà ottenuto il punteggio finale più alto sarà proclamata vincitrice del premio “A Tavola con il Nobile”. In caso di parità, il voto del Presidente di Giuria varrà doppio.
Il giudizio della Giuria è inappellabile.
Alla Contrada vincitrice sarà assegnato il Premio Gastronomico “A Tavola con il Nobile” consistente in una dotazione di 100 bottiglie tra Vino Nobile e Rosso di Montepulciano.
A tutte le contrade partecipanti sarà invece assegnato un attestato di partecipazione.
Il nome della Contrada vincitrice del Premio sarà inserito in una targa esposta in modo permanente presso l'Enoteca del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano.