Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
Website Logo
IT | EN
Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Eventi & News

A Tavola con il Nobile: il decennale

“Pici al sugo finto di nana (anatra) della Renata” e “Pici ai sapori di una volta”. Sono le due ricette cucinate rispettivamente dalle Contrade di Coste e Collazzi che hanno vinto a pari merito l’edizione numero dieci di “A Tavola con il Nobile”, il concorso enogastronomico che vede le otto contrade del Bravìo delle Botti di Montepulciano sfidarsi la settimana prima ai fornelli. Una edizione particolare per le dieci candeline per il fortunato evento ideato dal giornalista del Tg2 e curatore della rubrica Eat Parade, Bruno Gambacorta, d’intento con il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano.

Il “Picio”, tradizionale tipo di pasta fatto a mano nelle zone di Montepulciano, è stato il tema di questa edizione. Tutte le otto contrade quindi si sono cimentate nella ricerca di ricette particolari da mettere in gara e da sottoporre al giudizio di una giuria composta da 20 giornalisti italiani e per la prima volta da una commissione di cinque giornalisti provenienti dagli Stati Uniti. 

Madrina d’eccezione di questa decima edizione il volto de La Prova del Cuoco, storico programma di Rai 1, Anna Moroni. Tra i giurati di A Tavola con il Nobile anche Massimo Cirri, nota voce del programma di Radio2 Rai Caterpillar, grande appassionato di Nobile. 

L’albo d’oro di A Tavola con il Nobile. Collazzi (tre volte), San Donato (due volte), Voltaia (due volte), Gracciano, Cagnano, Poggiolo e per la prima volta Coste.



<< TORNA ALL'INDICE