Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
Website Logo
IT | EN
Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Eventi & News

Al Consorzio il Premio Ecofriendly 2013

“Un esempio da seguire per l’impegno nel promuovere e comunicare il fondamentale ruolo della eco-sostenibilità a partire dalle aziende associate”. E’ questo il motivo per il quale il 10 novembre a Merano la Guida ViniBuoni d’Italia, edita dal Touring Club Editore, ha assegnato al Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano il Premio Ecofriendly 2013. 

Il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano negli anni di attività ha contribuito tra le altre cose anche al restauro di molte opere pubbliche, come il Palazzo del Capitano, il Pozzo dei Grifi e per ultimo quello della Fortezza, progetto in parte compiuto e ora entrato nell’ultima fase dei lavori ai quali parteciperà anche la Kennesaw University di Atlanta che grazie a un accordo con il Comune e con il Consorzio dei produttori creerà a Montepulciano una propria sede. 

Non finisce qui. Tra primati, case history di cantine eco-friendly ed impianti pubblici di energia pulita, ecco dunque Montepulciano, dove l’alleanza virtuosa tra i produttori del Consorzio del Vino Nobile e il Comune ha dato vita a un laboratorio di idee e progetti eco-sostenibili che sperimentano la Green Economy applicata al vino. Gli esempi sono numerosi e anche sorprendenti. 

Si va infatti dalla prima cantina in Europa completamente off-grid ed autosufficiente dal punto di vista energetico, alla più grande fattoria vitata, caso più unico che raro in Italia, 100% biodinamica. Si va ancora dall’azienda dove è l’energia del sole a garantire il giusto clima al vino che riposa in barrique e tonneaux, a quella che si alimenta invece con l’energia della terra, tutte pronte a contribuire all’impianto comunale per il recupero di energia dalle biomasse vegetali e a fornire, attraverso la potatura intelligente dei loro vigneti, il “carburante” per un impianto a dissociazione molecolare (dunque ad emissioni zero) che sorgerà sul territorio per “illuminare” edifici e servizi pubblici.

<< TORNA ALL'INDICE