Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
Website Logo
IT | EN
Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Eventi & News

Un polo statunitense a Montepulciano

Antica Fortezza di Montepulciano sempre più fulcro di iniziative ed interessi collegati al mondo del Vino Nobile. Il 16 novembre il “board” dei rettori delle Università della Georgia, USA, ha approvato il contratto che legherà l’ateneo di Kennesaw al Comune di Montepulciano proprio per il progetto-Fortezza. Dal partner americano giungeranno quindi 500.000 Euro che consentiranno di restaurare una parte del piano superiore dell’edifico. In cambio l’università potrà utilizzare in maniera esclusiva alcuni spazi e condividerne altri per le proprie attività didattiche su un arco temporale di 25 anni. Nell’accordo è previsto che la Kennesaw investa risorse anche nella promozione del territorio presso il pubblico statunitense. 

L’atto ufficiale di cui è giunta comunicazione dagli USA fa seguito alla visita compiuta ad ottobre da una folta delegazione dell’Università, guidata dal Presidente Daniel Papp e da Norman Radow, numero uno della Fondazione che sostiene alcune attività dell’ateneo; in quella occasione Papp, Radow, il Sindaco Andrea Rossi e, per il Consorzio del Vino Nobile, il vice-Presidente Andrea Natalini, hanno firmato un accordo che ha stabilito i tempi della partnership.
L’Università di Kennesaw oggi conta 22.000 studenti destinati a diventare 35.000; il rapporto con Montepulciano è partito nel 1999 con una serie sempre più intensa di programmi annuali di studio che, ad oggi, ha coinvolto oltre 1.500 tra studenti e insegnanti che per settimane si sono potuti immergere nell’ambiente e nella cultura italiana. 

Nel progetto è prevista, tra l’altro, anche la realizzazione di una cucina-didattica presso la quale saranno impartiti corsi di preparazione dei cibi; della delegazione hanno fatto parte anche gli chef dell’Università, entusiasti del Vino Nobile e della cucina di Montepulciano e già protagonisti di altre missioni sul territorio, che hanno voluto attribuire il titolo di cuochi honoris causa anche al Sindaco, all’Assessore Franco Rossi, al Presidente del Consorzio del Nobile Carletti ed ai collaboratori Alberto Quinti, ex-Assessore alla Cultura, sotto il cui mandato ha preso le mosse il progetto, ed Heike Wilms, della Scuola di italiano “Il Sasso”.


Download

<< TORNA ALL'INDICE