Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X
Website Logo
IT | EN
Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Eventi & News

Il Nobile: un motivo per amare l'Italia

“I visitatori qui possono sedersi e godere di una degustazione del prestigioso vino della città, il Nobile”. L’Huffington Post, tra le testate di informazione on line più lette al mondo, descrive così Montepulciano e il suo Vino Nobile inserendoli tra i 14 motivi per amare l’Italia. Il sito di informazione americano cita alcune delle bellezze e dei sapori italiani, tra i quali l’amichevolezza dei siciliani, il paesaggio pugliese, i sapori umbri, il romanticismo di certe città toscane e poi Montepulciano, citata singolarmente proprio per la produzione dei suoi “impeccabili” vini.

La notizia è uscita durante l'Anteprima, evento che ha coinvolto tutta la città. Sono state infatti premiate le vetrine più ispirate al Nobile e partecipanti al concorso “Le Belle Vetrine”, promosso dal Consorzio in collaborazione con la Strada del Vino Nobile e le associazioni di categoria del turismo e del commercio. La preferita tra gli oltre cinquecento voti dei partecipanti alla prima giornata di Anteprima è stata quella del negozio Mary's Lingerie seguita da Bar il Tocco e al terzo posto il Bar Piazza delle Erbe.
 
L’Anteprima da qualche anno è anche occasione per promuovere l’arte del territorio. Quest’anno evento particolare con l’inaugurazione di un allestimento di straordinario prestigio. All’ingresso della sala intitolata alla memoria di Maria Russo, indimenticata preside del Liceo Poliziano, che era ospitato proprio nella Fortezza, è stato applicato un allestimento del Maestro Mario Ceroli, donato al Comune da Angela e Silvia Vincenti, figlie della compianta Prof.ssa Russo. La composizione, formata da tavole di legno, faceva parte della mostra “Amore Mio”, una memorabile iniziativa che, nel 1970, animò Montepulciano e impresse una scossa all’intero mondo dell’arte contemporanea

<< TORNA ALL'INDICE